Comitato Infermieri Dirigenti Italia

Comunicato Stampa | 20 Febbraio 2016

Comunicato Stampa | 20 Febbraio 2016

Al Presidente FNC IPASVI

Dott.ssa Barbara Mangiacavalli

 

 

Oggetto: Trattativa ARAN

 

Gentile Presidente,

Il Comitato Infermieri Dirigenti, ritiene utile ed importante, definire un incontro con la SV e con il Comitato Centrale, per individuare quali possibili strategie di intervento possano essere attivate presso l’ARAN in questo particolare momento evolutivo di riforma della Dirigenza della PA.

L’art.54 del d.lgs n.150 del 2009 (già art.40.c.2,165/2001) stabilisce che mediante appositi accordi con le confederazioni sindacali rappresentative, si devono definire i comparti di contrattazione collettiva nazionale a cui corrispondono 4 aree separate della dirigenza. Ebbene attualmente noi, infermieri dirigenti, non abbiamo una rappresentanza sindacale designata ne sappiamo ad oggi se vi siano contatti e con chi per tale contrattazione.

Riteniamo che le confederazioni sindacali possano essere convocate e informate su cosa è importante per la nostra dirigenza e quindi, comprendere, le posizioni di forza e di debolezza su cui poter far confluire le iniziative che riterremo opportune. Chiaramente, Presidente, non stiamo parlando di piccoli numeri se la nostra visione futura di questa professione ha la dirigenza gestionale e professionale, aprire oggi la via ad un accordo è strategico e indispensabile.

Crediamo che la Federazione IPASVI abbia il ruolo di far confluire a se gli interlocutori, ovvero la Federazione stessa, L’ARAN e le Confederazioni Sindacali, e se necessario esponenti del Ministero per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione e della Conferenza delle Regioni.

Essendo l’assetto dei comparti già definito, e vi sono accordi di massima già confermati, resta ancora la parte delle professioni sanitarie, che non hanno bisogno di una dirigenza di livello inferiore ma di pari dignità, ne tantomeno, come paventato da diversi interventi della componente medica, addirittura fuori da questa contrattazione.

E’ chiaro che la posizione del CID e della Federazione, rifiuta la collocazione degli infermieri dirigenti nella contrattazione a livello regionale come avvenuto già per la dirigenza Amministrativa, tecnica e professionale della sanità inserita nel ruolo unico della dirigenza regionale (art.11, c.1, l.b n° 2 L..124 del 7.08.2015).

Questa Associazione ha il desiderio e la possibilità di porsi come interlocutore preferenziale in tema di dirigenza con la Federazione IPASVI che vorrà riconoscere la profonda e competente conoscenza della tematica che da oltre venti anni è materia di discussione in convegni e congressi.

In attesa di suo gentile riscontro le inviamo cordiali saluti.

Il Presidente

Nicola Barbato

No Comments

Post a Comment

Cliccando su accetto o continuando ad Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza possibile di navigazione. Continuando a navigare (Scroll o click sui link), se non vuoi continuare a vedere questo avviso fare click su "Accetta"e permette il loro utilizzo. I cookies scadono dopo 12 mesi)

Chiudi